Corrado Ravasio: "Mezzana Club grande famiglia"

Corrado Ravasio: “Mezzana Club grande famiglia”

Corrado Ravasio, factotum della squadra amatoriale Kickers Mezzana Club ma soprattutto una vera e propria icona del calcio amatoriale pratese, si è confidato con noi sulle nuove sfide da lui intraprese sposando la causa Mezzana Club e sul calcio “meno noto” in generale.

Corrado come è cambiato il calcio amatoriale negli ultimi anni?

1)Più che cambiato mi sembra estinto, tra un po ‘ci confineranno in una riserva e ci faranno razza protetta;i motivi di questo sfascio sono tanti, il principale è nel boom delle competizioni di calcio a 5 e calcio a 7.L’ unica salvezza sarebbe stato unire Uisp e Csi, ho provato a farli unire, ma è stato come combattere con i mulini a vento.                                           

ravasio Perchè ha sposato il progetto dei fratelli Reali?
2) Scambiandomi per Belen i fratelli Reali, nonché miei cugini, erano anni che ci provavano ma sinceramente senza mai la proposta giusta per me per convincermi a chiudere il mio vecchio  Bar Valentina. Ma quando mi hanno trovato la formula giusta gli ho detto subito si. Volevo conservare la mia leadership , non per immodestia ma perchè è l’unica cosa che so fare, anche se l’altra condizione era quella di far parte di una famiglia per combattere la solitudine.

Come giudichi l’avvio di stagione della squadra di mister Pacini?
3) L’ unica certezza è Gregorio Pacini, per il resto ho bisogno di un mese per darti una risposta seria. Non so se sembra l’inizio di un anno di transizione, e non ci sarebbe niente di scandaloso, o  se i nostri naturali desideri di velleità potrebbero avere uno sfogo positivo e inaspettato. Parlo in Violese (linguaggio di Dino Viola ex presidente della Roma noto per il carattere diplomatico ndr)  per evitare l’esplicità che potrebbe essere interpretata come immodestia.