Il guasto al pullman è stato riparato!

Il guasto al pullman è stato riparato!

Finalmente il guasto al pullman è stato riparato. Con uno scoppio tipo sequenza di miniciccioli e una fumata nera il pullman impegna la carreggiata per indirizzarsi verso l’entrata dell’autostrada di Prato Est. Con un cenno della mano saluto i miei compagni che vedo allontanarsi fino a perdere nei finestrini i lineamenti dei loro volti commossi. Ho deciso di rimanere qui. Ho deciso di rimanere perché il Mezzana Club, la squadra alla quale casualmente mi sono avvicinato, mi ha appassionato. Vinceva, era prima, poi anche il Bellini Bacchereto la metteva in difficoltà con le sue ripartenze; e non fraintendetemi, questo per me è buono. Che gusto ci sarebbe a vedere una partita dove sai già come andrà a finire? Invece questa squadra dà spettacolo. Riesce a pareggiare anche col Vergaio che ha mio nonno e mio zio a centrocampo e poi invece lotta e la spunta con squadre coriacee come San Paolo e Giusti Stefano. Insomma, non ci si capisce nulla, ed è questo quello che mi affascina. Ma anche all’interno di una stessa partita può succedere di tutto. Prendi lunedì ad esempio: sul 4-1 Prato Asd era entrato in area avversaria ZERO volte (perché forse il primo gol era quasi al limite o poco ci manca) quindi ho abbassato un attimo lo sguardo per legarmi il calzare di pelle, l’ho rialzato e stavano 4-3. Ci vuole un certo stile. Credo a ragione che questa squadra abbia bisogno del mio aiuto, anche solo come supporter o umile opinionista di uno sgangherato giornalino. Non chiamatemi però vi prego come tanti anni orsono mi nomai, e cioè Ulisse, perché ormai per voi è per tutti il mio nome è Nessuno.