Incredibile amici!

Incredibile amici!

StadioQuarto di Finale Play Off
MEZZANA CLUB – PROSQUES  5 – 4
Rossi(2), Bartoli A., Fantacci(2).

Sotto la doccia, al termine della gara, i giocatori si rimproverano tra di loro, alzano la voce, criticano l’allenatore, e ammettono a malincuore la bravura dell’avversario. Non possono credere di essere stati eliminati avendo avuto dalla loro 2 risultati su 3.
Siamo nello spogliatoio di Prosques, dove l’aria è piuttosto pesante.

Invece dall’altra parte, nello spogliatoio del Mezzana Club, ci sono sempre le solite facce. Si ride, si analizza la gara, ci si insapona e ci si infama.
Gare come questa non sono certo una sorpresa per questi anziani giocatori. Forse un po’ per questo, e un po’ perché per recuperare dalla stanchezza gli ci vuole parecchio di più che ai ben più giovani avversari, la sensazione che si ha guardandoli mentre si rivestono tranquilli dopo aver guadagnato la semifinale, è quella sorniona del gatto che finge indifferenza con la coda della lucertola che gli spenzola dalla bocca. La lucertola si chiama Prosques.

Zannini portiere decisivo anche sugli schemi d’attacco; Bartoli Leonardo pressione continua sugli avversari; Picardi esperienza tattica; Lombardi freddezza e controllo;  Bartoli Alessandro con le chiavi delle serrature; Fantacci decisivo raccordo tra attacco e difesa; Rossi un cannone che sputa fuoco là davanti. A sostenerli con la voce e a metterci la testa sui cambi, non meno decisivi dei compagni in campo, in panchina, la strana coppia Reali F.-Zefferini.
Chi avrebbe scommesso sul passaggio del turno dei Dragoni dopo che Prosques si trovava in vantaggio per 2 reti a 0 a metà primo tempo? Ve lo dico io: nessuno…nessuno tranne loro.
Il Dragone non dorme, sonnecchia. Anche quando sembra che lo faccia gli occhi non sono mai chiusi entrambi contemporaneamente. E questo adesso lo sa anche Prosques (gli servirà per il prossimo anno).

Prima Rossi accorcia le distanze con un’azione tambureggiante, poi pareggia Bartoli A. con un piazzato nell’angolo alto. È Fantacci a sfondare la rete per il vantaggio che chiude il primo tempo.
Nella ripresa pareggia Prosques. Zannini e un paio di traverse aiutano il Mezzana Club. Poi ancora Rossi piega le mani al portiere per il 4-3.
Manca poco e il Mezzana Club si difende con le unghie.
La continua pressione di Prosques produce il pareggio da calcio d’angolo, che li qualificherebbe.
Sembra finita, come le energie dei giocatori di entrambe le squadre, ma Rossi, dopo aver attirato 3 avversari su di sè, pesca Fantacci in area che con freddezza segna il gol che vale la semifinale.

“Non solo la partita di stasera è stata straordinaria – è raggiante Cristiano Reali, presidente del Mezzana Club, dopo l’approdo alla semifinale – ma tutta la stagione lo è stata. Un manipolo di esperti del calcio che avrebbe ancora tanto da insegnare ai giovani di oggi”.

La Tarantola